Intervista di Stefenie Meyer per Crave Online

Un altra interessantissima intervista di Stephenie Meyer che ha rilasciato al sito Crave Online, tradotta per voi. Buona lettura!

Meyer poses at the premiere of "The Host" in HollywoodCraveOnline: hai presentato il film ieri sera. Sei rimasta a vedere The Host con la gente?
Stephenie Meyer: No, lo volevo ma avevamo una cena di lavoro a cui presenziare. Avrei voluto. Mi piace guardarlo con la gente, e sentire le loro reazioni alle cose. Questo è sempre eccitante. Quella è stata la cosa che ho preferito del Sundance in realtà, era seduta lì con un vero pubblico per la prima volta e sentivo la gente ridere dei nostri scherzi. E’ stato come, “Sì!”

Il Sundance è stato la prima volta in cui hai avuto la possibilità di vedere uno dei tuoi film con un pubblico?
No,L’ho fatto con i film di Twilight,ma non c’erano molti scherzi, quindi non è la stessa cosa. In realtà per l’ultimo film di Twilight sono stata molto felice di vedere la reazione della gente a questo perché abbiamo avuto il colpo di scena finale a sorpresa.Volevo sapere,come avrebbero reagito e cosa si sarebbero aspettati.Solo ascoltare le persone(sospirare) è fantastico.

Hai iniziato a scrivere i libri di Twilight non sapendo che sarebbero stati dei film, ma per il momento hai scritto The Host, hai avuto una buona idea che sarebbe stato un film un giorno?
No, no, perché ho scritto The Host prima che Eclipse uscisse, il libro, non il film. Ho scritto The Host in realtà molto tempo fa. Penso che fosse uscito solo Twilight, ma a quel tempo era solo una tantum. Non sapevamo che dovevamo fare tutta la serie.E’ stata una fortuna “Okay ho fatto un film da uno dei miei libri” e poi The Host non sembrava qualcosa che potesse diventare un film. Non pensavo si potesse fare. Voglio dire, il tutto accade nella testa di una persona. Questa è una premessa ingannevole. (continua…)

Share

Diane Kruger al H&M Loves Music Coachella 2013

Foto in HQ di Diane Kruger insieme a Joshua Jackson al H&M Loves Music Coachella 2013 kick-off Event at Merv Griffin Estate a La Quinta il 13 Aprile 2013.

 

imagebam.com imagebam.com imagebam.com imagebam.com imagebam.com imagebam.com imagebam.com imagebam.com imagebam.com imagebam.com imagebam.com imagebam.com (continua…)

Share

Nuova Intervista a Andrew Niccol del sito BlouinArtinfo

Tradotta una nuova interessante intervista al regista Andrew Niccol del sito BlouinArtinfo. Buona lettura!!

LOS ANGELES – Andrew Niccol è uno di quei rari registi che riesce ad integrare grandiose idée di science fiction con una trama secondaria emozionalmente profonda. Egli ha ottenuto questo con successo in film come ‘Gattaca’ il suo debutto alla regia con Uma Thurman e Jude Law, e ‘In Time’ con Justin Timberlake e Amanda Seyfried.

Lo scrittore e regista nominato agli Oscar è ritornato alle origini per il suo ultimo progetto, ‘The Host’, con Diane Kruger, Max Irons e Saoirse Ronan, e basato sul bestseller di Stephenie Meyer (Twilight). Il film può sembrare una scelta strana per Niccol, considerando che fino a questo momento lui ha diretto solo film scritti da lui. Ma ha detto a Blouin Artinfo che non ha esitato ad essere coinvolto con il progetto perché gli è piaciuto il concetto di un invasione aliena chiamata l’Anima che assume il controllo della Terra.

L’Anima, che sono piccoli parassiti d’argento con lunghe, sottili e sinuose gambe, subentrano nel corpo degli umani innestandosi nei loro cervelli e cancellando la loro memoria. Hanno trasformato il pianeta in un mondo pacifico, pulito e sano, ma al costo di sradicare la razza umana.

Solo un paio di persone che si sono nascoste sono riuscite a non essere catturate, ma quando Melanine Stryder (Ronan) è catturata cercando di salvare  suo fratello piccolo, lei miracolosamente sopravvive, rispetto ad altri, ma si trova se stessa intrappolata nella sua mente con l’ospite Wanderer/Wanda, che cerca di aiutarla.

Niccol infonde la storia con umorismo e romanticismo mentre esplora I temi universali dell’amore e della sopravvivenza. Blouin Artinfo ha parlato con il regista del progetto e del perché questo genere lo appassiona.

BA: C’è un elemento umano in questo film che noi normalmente non vediamo nei film di science-fiction. Ci puoi parlare di questo aspetto della storia?

AN: Si, Stephenie Meyer è matta come una volpe penso, perchè ha fatto film sui vampiri per persone a cui piacciono I film sui vampiri ed ora ha fatto un film del tipo science-fiction per persone a cui normalmente non piace questo genere. La cosa che mi è piaciuta dell’idea iniziale è avere questa specie di due esseri in un corpo, in questa guerra che controlla il corpo. All’inizio si odiano o almeno l’umana odia l’aliena, ma gradualmente formano questa comprensione e amicizia e poi amore l’una per l’altra. Anche se è un concetto di science-fiction, c’è un sacco di umanità. Riesci a vedere il conflitto interno che tu potresti avere con te stesso o con un’altra persona, ed è molto umano. (continua…)

Share

Happy 19th Birthday Saoirse!

Tutto lo Staff si unisce per gli augurare alla nostra Saoirse un Buon Compleanno!!

saoirse_bd

Share
Posted in: Cast, News, Site by admin No Comments ,

Diane Kruger su ‘S Moda’ Magazine di Aprile 2013

Diane Kruger  per l’edizione di Aprile 2013 di ‘S Moda’, Diane posa per il fotografo David Roemer. Styled by Christopher Campbell.
Qui sotto trovate le immagini delle scans:

imagebam.com imagebam.com imagebam.com
imagebam.com imagebam.com

Share

Andrew Niccol parla con MSN Movies

Andrew Niccol intervistato dal sito di MSN Movies e parla di The Host, della fantascienza, del suo lavoro, di Stephenie Meyer e di tanto altro. Buona lettyura.

MSN Movies: La maggior parte dei film che hai scritto e / o diretto sono stati legati alla fantascienza. Sei cresciuto leggendoli, esplorandoli, o da cosa sei preso?  

Andrew Niccol : Io non sapevo nemmeno di farlo quando ho scritto la mia prima sceneggiatura, che è stata “The Truman Show”. Ma ho capito che  il cavallo di Troia unito alla narrazione in quanto ci si può imbattere in idee serie di persone se le vesti in un certo ambiente futuristico in cui la gente pensa: “Questo non ha niente a che fare con me,” quando tutto ha a che fare con loro. Ed è per questo che penso di amare la fantascienza – il modo migliore per parlare di oggi è quello di guardare  al domani. E mi piace l’impostazione  delle cose nel dopodomani. Appena oltre l’orizzonte.

L’altra cosa sui tuoi film è che sono di questo genere, ma non lo sono: non ci sono robot  laser e astronavi.  

No. Penso che sia una specie di fantasy sociale. Sono sempre di più le idee, credo, che gli armamenti. Ho sempre provato a trovare l’umanità nella tecnologia – si sa, cose come “Gattaca”, dove forse la tecnologia ha superato il modo in cui possiamo gestire la cosa. Per esempio, ci sono tante cose, ora che siamo in grado di scoprire noi stessi e non fare assolutamente nulla per fermarli. Potete scoprire se avrete l’Alzheimer, ma non si può fare nulla per impedirlo. Come questo aiuta? E quindi sono sempre interessato in questo.  Inoltre, si sa, forse si può curare qualcosa,ma poi cominciare a voler fare da soli 5 o 6 passi,gli occhi blu,ed ottenere miglioramenti.Quindi mi piace un po’ l’ambiguità della storia-il che è una parolaccia a Hollywood, perché vogliono bene contro il male. O sei buono o cattivo. Beh, ci sono tutti e due in noi,questo è sempre un problema. (continua…)

Share

Il Los Angeles Times Intervista Saoirse

Qui sotto potete leggere la traduzione dell’intervista che Saoirse ha fatto per il Los Angeles Times. Buona lettura!

image host

La conversazione della domenica: Saoirse Ronan.

La giovane veterana dello schermo interpreta due personaggio di un corpo unico, in un nuovo film science-fiction, romantico ‘The Host’ del racconto dell’autrice di Twilight Stephenie Meyer.

Saoirse (che si pronuncia Sir-sha come ‘inertia’) Ronan interpreta un’aliena e un umana in uno stesso corpo, nel nuovo film romatinco, science-fiction, ‘The Host’, basato sul racconto dell’autrice dei libri di Twilight, Stephenie Meyer. Ronan, che compirà 19 anni in aprile, è già un attrice teatrale con un accenno di Oscar per la sua interpretazione nel 2007 in ‘Atonement’.

Sei una fan dei libri di Twilight? È stato quello che ti portato a considerare ‘The Host’?

Si, è stato una delle attrazioni che mi ha portato a lavorare con Stephenie. Ho letto ‘Twilight’ quando avevo 14 anni e mi è piaciuto come fosse così chiaro il primo amore e lo scoprire se stessi. Onestamente non ho visto tutti i film, penso di avere visto il primo e l’ultimo, ma mi sono piaciuti di più i libri.

Ne ‘The Host’, tu interpreti due personaggi in un unico corpo nello stesso tempo. Come hai costruito questa cosa e farli distinguere nella tua recitazione?

Volevo che fosse certo che i personaggi fossero abbastanza forti da soli e che fossero capaci di rimbalzare l’uno con l’altro per lavorare in armonia attraverso la storia. Così abbiamo incominciato a sviluppare quale tipo di accento dovevano avere. Aveva senso che una avesse una buona parlata, molto articolata, in modo calmo, sereno e positivo. (continua…)

Share

17 Nuove Stills di The Host in UHQ

Ecco tutte per voi 17 nuove Stills di The Host in UHQ. Alcune immagini le conosciamo già ma ora possiamo mostravele in una risoluzione migliore. Grazie alla nostra Tania per averle trovate!

image host image host image host image host image host image host image host image host image host image host image host image host image host image host image host image host image host

Share

TIME Magazine intervista Stephenie Meyer

Ecco il video di TIME Magazine con l’intervista a Stephenie dove parla del libro, del film, della sua passione per Jane Austen e… Buona visione!

steph9

(continua…)

Share

Intervista esclusiva di Crave Online a Jake Abel

Jake rilascia una divertente intervista Crave Online , parla di The Host e anche della serie TV di Supernatural. Buona lettura!

Jake Abel: Mi hanno costretto,mi hanno portato in una stanza con il baclcone,così sto correndo fuori.

CraveOnline: L’ultima volta che ho fatto un’intervista su un balcone è stato a Jamie Bell, solo perché voleva fumare.
[Ride] Come è Jamie Bell? Penso che sia un attore straordinario.

Era fantastico, in realtà. Molto carino.
E’ fottutamente bravo quel ragazzino

E’ un ragazzino? Non è più grande di te? Ha 30 anni probabilmente, e io… E’ solo una di quelle cose. E’ un ragazzo giovane. Non è in alcun modo paternalistico. [Nota dell'editore:. Per chi tiene i conti, Jamie Bell in realtà ha 27 anni, a partire da questa intervista, e Jake Abel 25]

Prima hai fatto film , hai fatto televisione, ora – secondo la rivista US – “un figo”
[Diventa rosso]

Un figo!
Un figo! Da aggiungere al curriculum [Ride]

Questo è il massimo.” Figo” Te lo aspettavi? Stai facendo un film di Stephenie Meyer, rappresenti un interesse amoroso..
Credo che … non ho pianificato nulla di tutto ciò, ovviamente …

Bene, funziona.
[Ride] Funziono, perché ho molta ansia, e se non lo facessi, io tenderei a.. voglio dire sono come un border collie. Se non avessi qualcusa in cui spendere le mie energie, mangerei legno. Così questo mi aiuta a calmarmi, così non faccio grande uso di droga (medicine). [Ride] (continua…)

Share